Ottobre 2011 - La ricchezza di un tempo

La ricchezza di un tempo

Li Pescatù - Valeria Marcucci
poesia dialettale marchigiana (Sant'Elpidio a Mare)

Li pescatù che n' sapìa legghie nè scrie,
sapia tutto e de li véndi e de le traersie.
Quanno tiria lu levande, dicia:
se sse aza quissu, non è ppe' tirà' via,
lo vrutto a-d-è che vasta che se sse moe
va a finì che dura tre, sei, nove;
se ce sse ccoppia lu sciroccu
vene dimà un bellu scroccu;
se ce sse bbina pure lu strasòrdene
rentro lu maru n' ci sta più ordene,
l'acqua scrocchja e fa li mulinelli
'gnà rmette a terra tutti li vattelli;
Però quanno tiria lu maestrale,
non era vellu ma non tando male.
Quanno la sera facia la... marettina,
dicia "Jemo a pescà' dimà'-mmatina".
Quanno 'mmece ce statia la maretta
se spiccia a sarvà pure la varchetta.
A lora jiè piacìa la tramontana,
scopa tutto e aza la sottana.
Pe' carità... la vòra de Trieste
che n' menzo lu mare ruppia le rèste:
non se rcapizzia più mango 'na penna.
Le nasse statia vuttate jò Tenna
tutte quelle ch'era misto là Chienti:
tucchja rportalle loco... n'accidenti!
Lu maru a-d-era cunfiu, scuru e grossu
e rrija sopre e sotta lu fossu.
Allora 'gni persò' fugata curria
perché lu portu tuttu se 'llaghja
e la terra co' la vreccia se 'nzuppìa
Quanno l'acqua man mana se sciucchja,
li pescatù dicìa: "L'acqua d-è passata...
armeno ci sta 'sta vella sciacquata!"


Fonti: Porto Sant'Elpidio, da borgo di pescatori a centro industriale: appunti e immagini per una storia; Isabella Bianchini, Marco Cromeni, Alessandro Marcianesi; Andrea Livi Editore, Ottobre 2010.

Share/Bookmark

Posted by Nicola Pezzotta | a sabato, novembre 26, 2011

0 commenti:

Posta un commento