Settembre 2010 - La Natura dà, la Natura toglie

la Natura dà, la Natura toglie
Inizio Settembre. Ci troviamo sulla spiaggia nord di Porto Sant’Elpidio, nei pressi della foce del fiume Chienti. Qui la spiaggia ancora non possiede i caratteri propri dell’immaginario collettivo. Gli chalet, gli ombrelloni e i lettini sono più a sud. In questo luogo la natura cerca ancora di prendere il sopravvento. Lo vediamo anche da questa foto: gli arbusti che nascono sulla sabbia sono cose impensabili ai giorni nostri. Oramai si possono ammirare solo nelle aree protette. L’edificio, probabilmente un tempo abitato, è stato abbandonato a se stesso; il resto lo ha fatto il mare. Giorno dopo giorno la sua azione erosiva ha rosicchiato centimetri e centimetri di spiaggia fino ad arrivare a ridosso della costruzione. Scalzate le fondamenta, il resto è venuto da sè. Ora non resta che questo rudere. Qualche artista ha voluto lasciare anche il suo segno dando una parvenza di vita a questa rovina altrimenti inanimata. Vita breve perché ad ogni nuova mareggiata un pezzo in più se ne andrà, fino a rimanere più nulla. Qui la natura si riappropria ancora di ciò che le è stato tolto.

Aggiornamento del 21/11/2010: La foto ha partecipato al concorso "Porto Sant'Elpidio in un click - 1° Memorial Dante Pangrazi" organizzato dall'Assessorato alla Cultura di Porto Sant'Elpidio in occasione della festa patronale. Si è piazzata al 5° posto nella votazione popolare e si è contesa il primo posto secondo la giuria tecnica. La giuria tecnica ha espresso il seguente giudizio: "La foto numero 53 di Nicola Pezzotta è un immagine caratterizzata da un intenso impatto colore. La scena ripresa e “disegnata” con segno vagamente naif vuole raccontare/rappresentare un terrain vague la cui composizione emula e restituisce, seppure in modo esasperato, un forte stile Ghirriano. Il luogo “raccontato” è la rappresentazione tangibile dei pochi spazi rimasti “scarcerati” e ricchi di spontaneità liberata, quasi anarchica, che sopravvivono all’assalto dei non-luoghi che al contempo si contrappongono."

Share/Bookmark

Posted by Nicola Pezzotta | a venerdì, ottobre 01, 2010

7 commenti:

maresco martini ha detto...

Meno prende l'uomo alla natura, meno ha da lottare con la sua resistenza.
Prendiamo l'esempio di un sentiero nel bosco, è un continuo, l'uomo lo ripulisce, e la natura lo richiude.

Sandra Maccaferri ha detto...

Bellissima foto. La spiaggia, quasi naturale, ha dell'incredibile per quella zona.

Elettra ha detto...

grande foto e posto incantevole,complimenti

Nick ha detto...

Grazie per i vostri contributi! :)

suite a tema ha detto...

Ciao a tutti che, bellissima prospettiva ha questa foto!A Porto Sant’Elpidio oltre che una natura ancora lasciata a se, come dici Nick, ci sono ville stupende da poter visionare come Villa Murri, dimora storica, edificata nei primi anni del XIX secolo, Villa Fanny ,Villa Maroni
Villa Baruchello...nel complesso il centro è un luogo ideale per una tranquilla vacanza:)

Nick ha detto...

Ciao "suite a tema". Vedo che conosci bene Porto Sant'Elpidio! Ma sei di queste parti?

suite a tema ha detto...

Ciao Nick, trovo oggi il tempo per riaffacciarmi sul tuo Blog!Ti rispondo, purtroppo non lo sono ma ho una passione per i viaggi e mi documento prima di recarmi nei posti che scelgo qui in Italia, sopratutto!Ergo, conosco Porto Sant'Egidio e dintorni:)...continua a scrivere..quando posso ti rileggo volentieri!

Posta un commento